Staminali, arresto Vannoni, coinvolta anche la palermitana Rosalina La Barbera

C’è anche la palermitana Rosalinda La Barbera, la presidente dell’associazione Prostamina Life, tra gli indagati del “caso Stamina”,l’indagine condotta dalla Procura di Torino e che ha portato al fermo di Davide Vannoni. Il fondatore di Stamina è accusato di associazione per delinquere, truffa aggravata e somministrazione di farmaci non conformi e trattamento. Gli inquirenti sospettavano che Vannoni potesse fuggire a Santo Domingo. I pazienti affetti da malattie neurodegenerative in cura con questo metodo pagavano tariffe salate che si aggiravano intorno ai 25-30 mila euro viaggio per la Georgia incluso.  Il trattamento di 3 infusioni infatti costava 18 mila euro, quello da 5 infusioni, 27 mila, a cui si aggiungevano 5 mila euro di iscrizione all’associazione e le spese di viaggio organizzato sempre dall’entourage di Vannoni. La palermitana La Barbera si occupava di reclutare i malatianche appoggiandosi a un tour operator georgiano.