Operazione “Caliente”, due rinvii a giudizio e sei pene patteggiate

582
immagini di repertorio

Le sei persone coinvolte nell’operazione dei carabinieri che ha fatto luce su un giro di prostituzione fra Mazara e Marsala, denominata “Caliente” sono state condannate a pene che oscillano fra i due anni e i 4 mesi. Il GUP di Marsala, Francesco Parrinello, ha emesso le sentenze e le pene sono state patteggiate per usufruire dello “sconto”. A Mariza Hortiz Hivilin Hernandez, l’ecuadoregna di 48 anni , la maitresse”, sono stati inflitti due anni di carcere così come a Filippo Trapani di 61 anni e al trentenne Pietro Lombardo. Francesco Tumbarello, 60 anni, titolare di una agenzia immobiliare, la Edil casa, è stato condannato a un anno e dieci mesi mentre Matteo Giacalone, 66 anni, ex collaboratore di giustizia, a un anno e due mesi. Il romeno Augustin Di Dia, 28 anni, è stato condannato a 4 mesi di reclusione. Per lui l’accusa è di aver ceduto marijuana ai clienti delle prostitute. Alves Eliane Marcelino, 42 anni, brasiliana, è stata rinviata a giudizio così come la quarantanovenne Anna Rita Donato. La Donato è accusata di aver messo a disposizione un appartamento alla Hernandez che gestiva il giro delle prostitute. Le case in cui avvenivano gli incontri sessuali erano quasi tutte nel centro di Marsala.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.