Catania, arrestati spacciatori e truffatori: in manette anche due extracomunitari

134

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato  due gambiani di 20 e 19 anni, entrambi senza fissa dimora, ritenuti responsabili di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

La scorsa notte, l’equipaggio della “gazzella” entrando in Via delle Finanze ha visto da lontano i due confabulare con altri extracomunitari. I militari, avvicinandosi per controllarli, hanno notato che uno dei due, ha gettato a terra una busta. Dentro la busta recuperata c’era circa 100 grammi di hashish ed alcuni grammi di marijuana.

La droga è stata sequestrata mentre gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati associati al carcere di Catania Piazza Lanza.

I Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato il ventiquattrenne catanese Vincenzo Zuccarello, ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Sono stati gli uomini del Nucleo Operativo a monitorare ieri notte quella zona posta proprio tra Via Alogna e Via Cotone intervenendo al momento opportuno dopo che il pusher aveva piazzato ad un cliente la dose in cambio di denaro. Fermato e perquisito è stato trovato in possesso di 9 dosi di marijuana nonché dei 10 euro incassati dalla precedente cessione della droga.

La droga e il denaro sono stati sequestrati mentre l’arrestato attenderà la direttissima agli arresti domiciliari.

 

 

I Carabinieri della Tenenza di Misterbianco hanno arrestato il ventitreenne Alfio Stancapiano del posto, già agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare  emessa  dalla Corte di Appello di Catania.

Grazie alle informative dell’Arma, che nel tempo hanno puntualmente sanzionato le evasioni dai domiciliari da parte del giovane misterbianchese, i giudici ne hanno potuto inasprire la misura detentiva ordinandone l’arresto ed  il trasferimento nel carcere di Catania Piazza Lanza.

 

 

 

 

 

 I Carabinieri della Stazione di Pedara hanno arrestato il cinquantaquattrenne  Antonino Croazzo del posto,  già agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, in esecuzione di un provvedimento per l’espiazione di pena detentiva emesso dal  Tribunale di Catania.

Già condannato dai giudici per il concorso in truffa continuata, reato commesso tra Catania e Pedara, dovrà scontare una pena equivalente ad anni tre di reclusione.

L’arrestato, assolte le formalità di rito,  è stato sottoposto al regime di detenzione domiciliare.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.