Mafia, processo “Apocalisse”: 5 secoli di carcere ai boss di Palermo

854

Erano finiti in carcere nel 2014 con la maxioperazione antimafia “Apocalisse” scattata nei quartieri palermitani di Resuttana, San Lorenzo, Acquasanta, Arenella e Partanna Mondello. In quell’operazione erano scattate le manette per 150 presunti appartenenti alle cosche mafiose di Palermo e oggi, su 91 imputati andati a processo, a 64 di loro sono state inflitte condanne che raggiungono i 5 secoli di carcere. Per 27 di loro si sono aperte le porte del carcere e sono stati assolti. La Corte d’Appello presieduta da Gianfranco Garofalo, a latere Adriana Piras e Massimo Corleo, ha in gran parte confermato la sentenza di primo grado,anzi, in alcuni casi ha anche aggravato la posizione di alcuni boss. A Vito Galatolo

Vito Galatolo

, Silvio Guarrera e Giovanni Vitale,

Giovanni Vitale

collaboratori di giustizia, la Corte ha riconosciuto l’attenuante speciale prevista dalla legge per i pentiti che abbiano dato un contributo rilevante all’istruttoria del processo. Il boss palermitano Girolamo Biondino, fratello di Salvatore, arrestato con Totò Riina il  15 gennaio del 1993, è stato condannato a 13 anni e 8 mesi di reclusione. Condanne severe anche per Tommaso Contino, che scende da 20 anni a 16 anni e 10 mesi, così come per Sandro Diele, che passa da 17 anni e 8 mesi a 14 e 8 mesi. Vent’anni sono stati confermati invece a Gregorio Palazzotto, mentre il fratello Domenico si è visto ridurre la pena a 16 anni e 10 mesi.

Girolamo Biondino

Ecco le altre condanne: Epifanio Aiello 8 anni e 8 mesi, Domenico Baglione 9 anni e 4 mesi, Giuseppe Battaglia 8 anni, Giovanni Beone 11 anni e mezzo, Girolamo Biondino 13 anni e 8 mesi, Giuseppe Bonura 8 anni e 8 mesi, Giovanni Cacciatore 8 anni e 8 mesi, Francesco Caporrimo 8 anni, Marco Carollo 4 anni e 8 mesi, Antonino Ciaramitaro 6 anni, Domenico Ciaramitaro 1 anno, Gaetano Ciaramitaro 9 anni e 4 mesi, Davide Contino 1 anno e 6 mesi, Tommaso Contino 16 anni e 10 mesi, Salvatore Coppola 2 anni, Francesco D’Alessandro 10 anni, Salvatore D’Alessandro 8 anni e 10 mesi, Guido D’Angelo 9 anni e 10 mesi, Fabio Giuseppe Davì 8 anni e 4 mesi, Antonio Di Maggio 10 anni e 6 mesi, Nicolò Di Maio 14 anni e 2 mesi, Sandro Diele 14 anni e 8 mesi, Erasmo Enea 8 anni (assolto in primo grado), Gioacchino Favaloro 10 anni e 4 mesi, Francesco Ferrante 2 anni (assolto in primo grado), Lorenzo Flauto 11 anni e 6 mesi, Pietro Franzetti 1 anno, Giuseppe Fricano 13 anni, Vito Galatolo 16 anni, Angelo Gallina 8 anni e 8 mesi, Melchiorre Gennaro 1 anno e 4 mesi, Tommaso Genovese 8 anni (assolto in primo grado), Nicola Geraci 8 anni, Camilla Graziano 9 anni e 4 mesi, Francesco Graziano 1 anno, Roberto Graziano 9 anni e 4 mesi, Santo Graziano 8 anni e 8 mesi, Vincenzo Graziano 10 anni, Silvio Guerrera 6 anni e mezzo, Gioachino Intravaia 8 anni, Avni Kpuzi 6 mesi, Rosario Li Vigni 1 anno e 4 mesi, Paolo Lo Iacono 11 anni e mezzo, Giuseppe Lombardo 1 anno e 8 mesi, Vincenzo Lucá 8 anni, Pietro Magrì 8 anni, Serafino Maranzano 2 anni e 4 mesi, Filippo Matassa 10 anni, Salvatore Mendola 8 anni e 8 mesi, Francesco Militano 8 anni e 8 mesi, Gregorio Palazzotto 20 anni, Domenico Palazzotto 16 anni e 10 mesi, Michele Pillitteri 9 anni e 8 mesi, Emilio Pizzurro 11 anni, Marcello Puccio 10 anni, Ignazio Romano 10 anni, Roberto Sardisco4 mesi, 9 anni e 10 mesi, Antonio Siragusa 8 anni e 8 mesi, Luigi Siragusa 10 anni e 4 mesi, Antonino Taralo 9 anni e 4 mesi (assolto in primo grado), Onofrio Terracchio 15 anni e 10 mesi, Aurelio Valguarnera 1 anno e 4 mesi, Calogero Ventimiglia 12 anni e 10 mesi, Giovanni Vitale 4 anni e 10 mesi.
Sono invece stati assolti Giulio Caporrimo, Davide Catalano, Leonardo Clemente, Domenico Consiglio, Ciro Enea, Filippo Di Pisa, Daiana De Lisi, Erasmo Enea, Carmelo Farnese, Roberto Flauto, Carlo Lucio e Calogero Ginestra, Sergio Ilardi, Luigi Li Volsi, Francesco Paolo Mangano, Leonardo Marino, Teresa Marino, Carmelo Meli, Marco Mineo, Pietro Mineo, Salvatore Mineo, Serafino Piazzese, Salvatore Picone, Aurelio Puccio, Leandro Puccio, Antonino Salerno, Antonino Tarallo.