Petrosino: la Corte dei Conti sanziona il sindaco Giacalone al pagamento di 30mila euro per un incarico fiduciario esterno considerato illegittimo

635

Gaspare Giacalone: “Sono fermamente convinto di aver fatto la scelta giusta per i miei concittadini. Ho già deciso di affidare l’incarico al Prof. Avv. Alfredo Galasso per promuovere ricorso in appello”

Il sindaco di Petrosino Gaspare Giacalone è stato sanzionato dalla Corte dei Conti al pagamento della somma di 30mila euro per aver affidato un incarico esterno fiduciario ritenuto illegittimo. I fatti risalgono al periodo che va dal 2012 al 2014, quando il Comune di Petrosino ha affidato un incarico fiduciario all’assistente sociale Rosalba Tranchida. Tale nomina è stata fatta nonostante il Comune in quel periodo avesse già un’assistente sociale all’interno del suo organico.

Lo rifarei altre mille volte – ha scritto il sindaco di Petrosino nel suo profilo facebook -. La Corte dei Conti mi chiede di pagare circa 30.000 mila euro per l’incarico affidato fiduciariamente alla Dott.ssa Rosalba Tranchida, Assistente Sociale con una lunga esperienza e di rinomata professionalità. Incarichi affidati negli anni 2012-2014, anche a titolo gratuito, quando l’assistente sociale del Comune era ripetutamente assente fino al punto di essere stata licenziata per giusta causa nel 2018. Non avevamo altra scelta. Solo grazie al supporto fornitomi dalla Dott.ssa Tranchida ho potuto esercitare tutte le attività che la legge riserva al Sindaco, garantendo l’efficienza dei servizi sociali per la comunità di Petrosino. Sono fermamente convinto di aver fatto la scelta giusta per i miei concittadini. Ho già deciso di affidare l’incarico al Prof. Avv. Alfredo Galasso per promuovere ricorso in appello. Con orgoglio vi dico che vinceremo anche questa”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.