martedì, Luglio 16, 2024
HomeSocialeAl via il progetto “Abacus - attivazione dei bacini culturali siciliani” per...

Al via il progetto “Abacus – attivazione dei bacini culturali siciliani” per stimolare i Giovani siciliani attraverso forme di aggregazione sociale

Dal prossimo 17 luglio prende il via il Progetto “ABACUS – ATTIVAZIONE DEI BACINI CULTURALI SICILIANI”: iniziativa di innovazione sociale nell’ambito della promozione delle forme di aggregazione e socializzazione dei Giovani siciliani per la costituzione di una “comunità di interpretazione e conoscenza” delle risorse territoriali, che dall’area metropolitana di Palermo e della costa tirrenica raggiungono il Canale di Sicilia ed i Comuni di Castelvetrano-Selinunte, Sambuca di Sicilia, Menfi e Sciacca. Il progetto nato dalla sinergia tra EUPSICHE, MeRIDIES, l’Istituto Professionale “Pietro Piazza” di Palermo e l’Istituto d’istruzione secondaria superiore “Calogero Amato Vetrano” di Sciacca, prevede nuove forme di collaborazione tra i Giovani per creare percorsi professionalizzanti e culturali anche attraverso l’utilizzo di piattaforme digitali e format itineranti progettati e realizzati in cooperazione tra le Comunità giovanili del territorio.

Un progetto culturale e interdisciplinare che mira all’innovazione sociale dei Giovani siciliani, non trascurando il fenomeno della dispersione scolastica e degli aspetti legati alla “professionalizzazione” dei giovani residenti. È il programma di “ABACUS – ATTIVAZIONE DEI BACINI CULTURALI SICILIANI”, un progetto nato da un’idea delle associazioni EUPSICHE e MeRIDIES, assieme agli Istituti scolastici “Pietro Piazza” di Palermo e “Calogero Amato Vetrano” di Sciacca, che dal prossimo 17 luglio farà tappa nei principali centri compresi tra i territori di Agrigento, Palermo e Trapani.  

Il Progetto Abacus, finanziato dalla Regione Siciliana – Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro – Dipartimento della Famiglia e delle Politiche sociali e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile universale (attraverso il “Fondo Politiche Giovanili”), ha l’obiettivo di creare una vera e propria “Comunità di Progetto” nell’ambito dei Comuni dei bacini idrografici del Fiume Oreto e del Fiume Belìce, per favorire l’interscambio di competenze professionalizzanti tra i Giovani e la creazione di nuove di forme di aggregazione e partecipazione sociale.

Attraverso Abacus sarà possibile acquisire competenze (individuali e di gruppo) e collaborare attivamente affrontando tematiche attuali come l’orientamento, la formazione, le professioni e l’auto-imprenditorialità: “Con il progetto ABACUS – spiega Francesca Cerami, presidente di Eupsiche – sarà possibile stimolare le comunità interessate (Altofonte, Bisacquino, Castelvetrano-Selinunte, Monreale, Montevago, Palermo, Partanna, Partinico, Sciacca, Sambuca di Sicilia, Caltabellotta, Santa Margherita di Belìce), intorno al tema della ‘rigenerazione culturale’ e della creazione di imprese”. Numerose le attività previste nel progetto:“Community, workshop itineranti, attività autogestite, piattaforme web di dialogo e interazione – conclude Cerami – sostanzieranno il nostro progetto, una vera e propria comunità dentro la comunità, per fare sistema e connettere i nodi pubblici e privati della rete locale direzionandone le energie verso il rilancio socio-economico dei territori siciliani”.

Al progetto potranno partecipare i Giovani siciliani dei Comuni ricadenti nei bacini del Fiume Oreto e del Fiume Belìce, con età compresa tra 17 e 20 anni, ma anche tutti i soggetti interessati a identificare, mappare e capire nel dettaglio gli interscambi di umanità, culture, conoscenze e competenze professionalizzanti che avvengono in questi due “Bacini Culturali”.

Il programma dettagliato di Abacus sarà presentato il prossimo 17 luglio, ore 17:00, presso la Sala Bonsignore dell’Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro (Via trinicria 34) , momento a cui prenderanno parte Antonio Grasso, dirigente del Servizio 6° del Dipartimento della Famiglia e delle Politiche sociali; Francesca Rita Cerami, presidente Eupsiche; Maria Laura Scaduto, presidente MeRIDIES; Vito Pecoraro, dirigente scolastico IPSSEOA “Pietro Piazza”; Caterina Mulè, dirigente scolastico IISS “Calogero Amato Vetrano”; Leo Ciaccio, sindaco di Sambuca di Sicilia; Andrea De Tommasi, co-progettista e consulente del Progetto; Nino Sutera, direttore LURSS; Giuseppe Oddo,  Responsabile comunità Slow Food Biodistretto Borghi Sicani. A seguire, degustazione dei prodotti tipici a cura di IDIMED, dell’associazione “La Piana d’Oro” di Bagheria, il Caseificio Bompietro e l’azienda Ferraro Bio Farm Sicily.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

ULTIME NEWS