Inizia il countdown per lo spettacolo teatrale “Penelope – L’Odissea è fimmina”

106

Il 10 marzo, alle 21, al Teatro Impero di Marsala, andrà in scena il testo vincitore del premio “Anima Mundi” alla drammaturgia femminile

Dieci personaggi e sette attori per un’Odissea al Femminile che stupisce, diverte e fa crescere nel segno della dignità e della libertà. Sarà Luana Rondinelli, autrice e regista (assieme al co regista Giovanni Carta), a interpretare il ruolo di Penelopemartedì 10 marzo alle ore 21 al Teatro Impero di Marsala. In un viaggio altalenante tra passato e presente la Penelope di Luana conserva in sé una tragedia avvenuta da bambina, una storia di violenza e abbandono che solo l’amore è in grado di sanare; ma se l’amore guarisce la violenza, Penelope scoprirà che la consapevolezza di sé guarisce dall’abbandono.

Fedelmente al poema di Omero, anche in “Penelope, l’Odissea è fimmina”, la regina di Itaca vive con Euriclea, nutrice di Ulisse e custode fedele della sua casa, ma questa Euriclea, interpretata da Laura Giordani, è profondamente sapiente. Accetta la tradizionale idea di donna, ma comprende i sommovimenti dell’anima di una creatura che anela la libertà. Personaggio gentile e materno, capace di far sorridere, senza mai indulgere alla sboccatezza.

Ad aprire le scene sono le tre Parche, ma non si tratta delle tre figlie di Zeus narrate da Esiodo: Cloto, la ‘filatrice’ della vita; Lachesi, la ‘fissatrice della sorte’ toccata all’uomo; Atropo, la ‘irremovibile’ fatalità della morte. Le Parche di Rondinelli sono “Attìa, Risetto e Cutitalìa”: interpretate da tre uomini: Stefano Parrinello, Mauro Lo Castro e Giovanni Maria Currò. Creature sapienti a metà tra la vox populi e spettatori dentro lo spettacolo che illuminano, collegano, commentano. Una sorta di Gialappas band esilarante e intelligente che non lascia spazio al lettore per una riflessione intima, ma lo guida e diverte in maniera non di rado anche dissacrante.

Due attori che incarnano le Parche vestiranno anche i panni dei Dioscuri: Mauro Failla sarà Castore e Giovanni Maria Currò Polluce. Coppia gentile e acuta, dissacrante e fluida, che vivacizza la scena con freschezza inattesa e divertente come nelle migliori commedie attiche.

Camilla Bianchini interpreta Melissa, l’ancella che “cerca di svegliare” Penelope: “Fino ad oggi non ho mai voluto sapere niente – dice a Penelope -. Secondo te, se ti bacio può essere un dolce risveglio?”. Melissa porge a Penelope la possibilità di comprendere e comprendersi, ma lo fa in punta di piedi, con levità e giovinezza, ma, essendo anche lei “Fimmina”, anche lei in un certo senso e mondo, conserva nel suo cuore la verità e ne diviene strumento, conducendo Penelope da “La Magnifica”.

Interpretata da Corinna Lo Castro, La Magnifica è una veggente che parla in versi che sono lame, che tagliano la quotidianità e parlano alla coscienza: “Un ti viugnari, ‘un t’ammucciari, scantu un n’aviri, la vita è una minzogna cu si scanta e cu si viogna”.

Una danza di personaggi colorati e densi che infine muovono emozioni capaci di portare la/o spettatrice/tore – con un irrimediabile crollo della quarta parete – dentro la propria e personale Odissea, tracciando strade di liberazione.

Lo spettacolo conta sul patrocinio dell’Amministrazione comunale diretta da Alberto Di Girolamo, che lo ha fortemente voluto, ed è prodotto da Accura Teatro in collaborazione con Palma Vitae.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.