Lega Giovani Sicilia. Presidio al Tribunale di Palermo per i praticanti avvocato: servono certezze

Ieri avrebbero dovuto avere inizio le prove scritte di stato per l’abilitazione alla professione forense, prove che quest’anno non avranno luogo.

“Il Ministro Bonafede ha rimandato l’intero esame, causa Covid, dandone annuncio con un post su Facebook: è imbarazzante ed intollerabile che questo sia il livello di attenzione riservato a migliaia di giovani professionisti, lasciati oggi nella incertezza più totale” commenta così l’On. Luca Toccalini, coordinatore federale della Lega Giovani.

“Ogni anno, quasi 25mila praticanti avvocato sostengono l’esame di abilitazione all’avvocatura – prosegue Toccalini – e questo Governo sembra non considerarli. Ieri siamo stati davanti al Ministero della Giustizia e, così come noi, sono scesi in piazza i ragazzi della Lega Giovani di fronte ai principali Tribunali italiani, per chiedere chiarezza e certezze. È indegna la noncuranza e la superficialità con cui opera Bonafede.

La situazione si era già resa particolarmente pesante durante la primavera scorsa quando, a causa del primo lockdown, la correzione degli scritti dell’esame del dicembre 2019 venne sospesa per tutto il peridio di emergenza. Solitamente gli scritti vengono corretti entro fine giugno. Quest’anno sono stati corretti a fine agosto e i risultati sono giunti a settembre. Si sono così accorciati di moltissimo i tempi per la preparazione dell’orale per tutti i praticanti che avessero passato lo scritto”.

“I praticanti in primavera ed estate hanno sopportato l’incertezza della loro situazione con encomiabile pacatezza, comprendendo a pieno la situazione emergenziale. Oggi però, quello che ha colto il mondo di sorpresa agli inizi del 2020, non è più una novità, ma la difficile realtà con la quale combattiamo tutti i giorni. Far attendere ancora i praticanti solo perché il ministero non si è organizzato in tempo è veramente imbarazzante” conclude Toccalini.

Gli fa eco Giuseppe Miccichè, coordinatore Lega Giovani Sicilia occidentale: “La pratica forense dura 18 mesi ed è un periodo in cui in molti casi non si ha né stipendio, né tutele e diritti.

“Noi abbiamo presidiato davanti al tribunale di Palermo, abbiamo ascoltato molti ragazzi in questa condizione e ci siamo confrontati con diverse associazioni del settore: le proposte per superare questa situazione ci sono”, commenta così Giuseppe Miccichè.

La legge professionale non prevede l’equo compenso per i praticanti, prevede esclusivamente il rimborso per le spese sostenute, ma spesso e volentieri il “dominus” presso il quale si svolge la pratica non riconosce nemmeno quello.