Palermo,Edilizia Scolastica: Finanziamenti MIUR Province e Città metropolitane 2021, presentati i progetti

Sono stati presentati oggi, dalla Direzione Edilizia Scolastica della Città Metropolitana di Palermo, diretta dall’Ing. Claudio Delfino, i progetti attinenti le finalità dei fondi Miur Decreto Ministeriale n. 62.

Firmato lo scorso 10 marzo dal Ministro, Patrizio Bianchi, il Decreto Ministeriale n. 62, ripartiva le risorse pari a euro 1.125.000.000, sulla base degli stessi criteri stabiliti dal DPCM 7 luglio 2020, ossia il numero degli studenti e il numero degli edifici scolastici.

Nello specifico alla Città Metropolitana di Palermo sono stati destinati € 22.983.416,61.

In aderenza alle indicazioni del MIUR si è data la priorità alla tematica dell’adeguamento sismico, poiché da breve erano state completate numerose verifiche di vulnerabilità sismica degli edifici scolastici del territorio metropolitano, dalle quali erano emerse significative criticità.

I Responsabili di Ufficio ing. Fabrizio Di Bella, ing. Silvana La Gattuta, ing. Daniele Niosi e ing. Valerio Randazzo si sono impegnati, nonostante i tempi estremamente ristretti, nel promuovere e definire 5 proposte progettuali (in allegato) per l’importo complessivo di 22.983.000,00.

Si tratta di interventi significativi che condurranno ad un innalzamento della sicurezza e della qualità degli edifici scolastici interessati.

Particolare rilevanza assumono i due interventi di demolizione e ricostruzione che interessano il Liceo “E. Basile” di Brancaccio di via San Ciro 23 e l’Istituto Magistrale “Regina Margnerita” succursale di Via Casa Professa n.3 – Palermo (ex Scuola Cascino), sviluppati dall’arch. Giuseppa Puleo.  Interventi di “rigenerazione urbana” relativi ad edifici che non presentano caratteri di pregio o rilevanza architettonica e che manifestano invece molteplici carenze, sia di tipo strutturale sia  funzionale. 

Gli interventi proposti si muovono nel solco della realizzazione di nuovi edifici realizzati nel rispetto di criteri di sostenibilità ambientale, risparmio delle risorse energetiche e pieno rispetto di tutti i criteri di funzionalità, sicurezza e fruibilità per l’utenza scolastica e   contribuiranno a riqualificare dal punto di vista sociale ed ambientale, le zone di “Brancaccio” e di “Ballarò”.

“Prosegue l’impegno della Città Metropolitana di Palermo nell’adeguamento e rinnovamento dell’edilizia scolastica, per dare agli studenti scuole sicure e più moderne, secondo standard sempre più “europei” , con investimenti importanti in alcune delle zone più svantaggiate del tessuto urbano della Città”, lo ha dichiarato il Sindaco MetropolitanoLeoluca Orlando