Tornano in presenza gli spettacoli dei pupi e Sicilian Puppets Series

Nuovo appuntamento con I musei della restanza

Dopo la lunga pausa dovuta all’emergenza pandemica, il Museo delle Marionette torna al suo pubblico in presenza con gli spettacoli tradizionali di Opera dei Pupi, in scena il lunedì alle ore 11 e, dal martedì al sabato, alle ore 17.

Nuovo appuntamento domani, giovedì 10 giugno alle 17 con il ciclo di seminari online “I musei della restanza. Il museo come strumento di partecipazione, conoscenza, salvaguardia e promozione dei territori” organizzato, nell’ambito del seminario permanente Etnografie del contemporaneo, dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari – Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino in collaborazione con la Società Italiana per la Museografia e i Beni Demoetnoantropologici (SIMBDEA) e l’International Council of Museums (ICOM Italia). Alessandra Broccolini e Paolo Gnessi parleranno di Heritage frictions: partecipazione e cittadinanza attraverso l’ecomuseo Casilino della periferia di Roma.

L’intervento racconta la nascita dell’Ecomuseo Casilino nella periferia est di Roma, un progetto che ha visto la partecipazione e la militanza culturale di un gruppo di cittadini che si sono uniti per contrastare un processo di speculazione edilizia, per opporsi alla vulgata che vede nelle periferie solo luoghi di desolazione senza memoria e per mostrare “a più voci” che ci sono esperienze nuove di cittadinanza dove si producono esperimenti sociali che accendono l’immaginazione su forme e modi diversi di leggere i territori. Siamo nella periferia est della capitale, un’area complessa, stratificata, luogo di vecchie e nuove migrazioni e di sperimentazioni sociali. Una nuova coscienza di luogo si sta producendo grazie ad alleanze territoriali e a forme di fare comunità inedite che esprimono una partecipazione locale e la capacità dei singoli individui di azione culturale nello spazio. L’intervento ricostruisce la storia del progetto ecomuseale, ma vuole anche riflettere sulla forma ecomuseale come categoria ormai consolidata del patrimonio.

Alessandra Broccolini è professore associato nel settore M-DEA/01 presso il dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche dell’Università Sapienza di Roma dove insegna Antropologia culturale e Antropologia dei patrimoni culturali. Si occupa di patrimoni culturali immateriali, ritualismo festivo, musei ed ecomusei, saperi locali, biodiversità coltivata, artigianato, abitato popolare e politiche dell’identità. È presidente dal 2016 dell’associazione SIMBEA (Società Italiana per la Museografia e i Beni Demoetnoantropologici), fa parte del comitato scientifico della Maison Méditerranéenne des Sciences de l’Homme e insegna Antropologia del patrimonio culturale presso la Scuola di specializzazione in Beni demoetnoantropologici della Sapienza di Roma.

Claudio Gnessi è presidente dell’Ecomuseo Casilino dal 2015 e si occupa della curatela delle produzioni di arte pubblica, dirige la ricerca sulle forme dell’arte nel territorio ecomuseale, gestisce i rapporto con le istituzioni e con le comunità di origine straniera, coordina la programmazione degli eventi e sviluppa le strategie di fundraising dell’Ente critico cinematografico, esperto di interaction design e di modelli cognitivi è vicepresidente del Karawan Fest, il primo festival nomade che in Italia si occupa del racconto delle diaspore attraverso il registro comico e ironico. Ha pubblicato diversi saggi sulla metodologia intermediale di analisi artistica, sulle metodologie di progettazione ecomuseale e ha curato la “Guida Verace di Tor Pignattara” (Olmata, 2019). È co-fondatore di S.T.ART, il convegno itinerante sui temi della promozione dell’arte pubblica in Italia.

La partecipazione al seminario è libera e in diretta streaming sulla pagina Facebook, sul canale Youtube del Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino e su ZOOM al seguente link: https://zoom.us/meeting/register/tJcoce2upj4jHtSG2DO7rwTk3r4TJkjX9qqX .