Ammesso a finanziamento il progetto “Green City” di cui Marsala è Comune capofila

La notizia anticipata oggi a Roma

dal sottosegretario Giancarlo Cancellieri al Sindaco Massimo Grillo

Il progetto “Green City” – Partenariati Territoriali per uno sviluppo urbano sostenibile e resiliente, proposto dal Comune di Marsala (capofila), da Alcamo, da Comuni e Associazioni territoriali del Libano e della Giordania nonché dall’ Istituto per la Cooperazione Universitaria, è stato ammesso a finanziamento. L’idea progettuale, presentata nel luglio dello scorso anno , non era stata ammessa a finanziamento. Il progetto presentato all’agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo per il relativo finanziamento ha trovato adesso la necessaria copertura finanziaria. Il costo d’attuazione del progetto, della durata di due anni, è di un milione e 125 mila euro che verrà coperto dal finanziamento dell’Agenzia per 900 mila euro e per la restante quota parte da somme degli Enti territoriali che lo hanno proposto.

“Si tratta di una notizia molto importante per la nostra Città – sottolinea il Sindaco Massimo Grillo. Desidero ringraziare il sottosegretario di Stato Giancarlo Cancellieri, che, pur trattandosi di materia che non rientra tra le dirette attività di competenza del Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, mi ha informato di questa ulteriore opportunità per il territorio. A giorni arriverà anche la nota ufficiale. Grazie a questa iniziativa che ci vede coinvolti assieme a Comuni ed Enti del Libano e della Giordania ci prefiggiamo di contribuire alla promozione di uno sviluppo urbano/territoriale sostenibile e resiliente attraverso: a) l’implementazione di misure di adattamento ai cambiamenti climatici in ambiente urbano; b) la riduzione degli effetti dell’inquinamento nelle città e/o in territori più ampi, in particolare in termini di controllo della qualità dell’aria, gestione dei rifiuti; c) l‘aumento dell’efficienza e delivery dei servizi di pubblica utilità che possano impattare sull’ambiente”.

Il progetto si propone, infatti, di rafforzare i legami tra enti territoriali italiani e autorità locali straniere promuovendo l’instaurazione di partenariati territoriali tra il comune di Marsala, il comune di Alcamo e i comuni di El Ain, Hermel, Boudai e Dekwaneh in Libano e di Irbid e Karak in Giordania, mirando alla promozione di uno sviluppo territoriale sostenibile e resiliente attraverso il potenziamento delle capacità di pianificazione e progettazione urbana in campo energetico e nella gestione dei rifiuti solidi urbani. La struttura insiste su tre componenti: 1) introduzione e rafforzamento delle buone pratiche di gestione, raccolta e trattamento differenziato, riciclo dei rifiuti ed economia circolare; 2) miglioramento dell’efficienza energetica e promozione dell’uso di energie rinnovabili nelle strutture comunali e scuole nelle municipalità; 3) creazione di partenariati territoriali internazionali per lo scambio di know-how, promozione del municipalismo e ownership sulla gestione urbana in materia ambientale ed energetica.

“L’iniziativa – conclude il Sindaco Massimo Grilllo  – è frutto di un processo partecipativo multilivello che verrà coordinato dal nostro Comune. Ciò è molto significativo e importante perché di fatto ci consentirà di approcciarci da diversi punti di vista con realtà a noi sconosciute quali sono i Comuni giordani e libanesi”.​