mercoledì, Giugno 19, 2024
HomeNews“Chiamarlo amore (non) si può”. Inaugurato il murale alla Procura di Marsala

“Chiamarlo amore (non) si può”. Inaugurato il murale alla Procura di Marsala

La ricorrenza della “Giornata dell’Europa” è coincisa, ieri, con l’inaugurazione a Marsala del murale “Chiamarlo amore (non) si può”. È stato realizzato nel Palazzo di Giustizia, nello specifico, nei locali dell’Area Audizioni Protette della Procura di Marsala. Il murale, ideatoall’interno dell’omonimo progetto, è stato realizzato dagli alunni del V Circolo Didattico “On. Francesco De Vita” diretto da Vita D’Amico, in collaborazione con la Procura della Repubblica e lo sportello Antiviolenza della Procura stessa, coordinato dal Maresciallo G.D. Bertolino. I bambini sono stati guidati dall’architetto Antonio Mauro e dalle docenti Antonella Lombardo e Floriana Fabriano. 

Al taglio del nastro tricolore – presenti cittadini, autorità, operatori scolastici e studenti – sono intervenuti il procuratore Fernando Asaro, la presidente del Tribunale, Alessandra Camassa, il sindaco Massimo Grillo e la dirigente scolastica Vita D’Amico. Loro stessi, successivamente, hanno sottolineato l’importanza del murale.

Il procuratore Asaro“La partecipazione dei cittadini e i volti sorridenti di tanti giovani sono una bella testimonianza di condivisione di questa iniziativa. Una sinergica condivisione di valori e sensibilità, grazie alla quale si è potuto realizzare un importante e significativo gesto per accogliere la sofferenza e il dolore di chi subisce violenze, qualunque sia il suo genere e ovunque si manifesti. È un’opera che contribuisce a ridurre le distanze fra il Palazzo di Giustizia e i cittadini, promuovendone il suo vero obiettivo, quello di essere il luogo in cui si esercitano i diritti di ciascuno di noi”.

La presidente Camassa“Un’opera che ha il suo valore aggiunto nel percorso culturale che l’ha ideato e che ha visto assieme alunni, insegnanti, istituzioni. Quanti subiscono anni e anni di violenza sono persone completamente private del coraggio di chiedere aiuto, spesso non sanno più chi sono. Avvicinarsi allo Sportello antiviolenza, parlare con psicologici e magistrati lo si fa con meno timore in un luogo dove si è accolti da una parete dov’è raffigurata una donna che si è liberata dal suo dolore, comunicando serenità. E per una donna abituata dalla sofferenza a reprimere i propri sentimenti, il servizio che rendiamo diventa ancora più importante”.

Il sindaco Grillo“Una testimonianza tangibile di un impegno concreto, a conferma di una collaborazione istituzionale che mantiene attivo lo Sportello antiviolenza. Ed oggi ribadiamo l’obiettivo di sensibilizzare tutti alla diffusione di una cultura che contrasti ogni forma di violenza, continuando a realizzare punti di riferimento in città per i giovani, così come lo sarà anche la sala Marisa Leo all’interno del Museo del Vino che inaugureremo domenica. Il tutto rientra in quell’appello, più volte lanciato dalla mia Amministrazione, a sentirsi comunità per promuovere tutti assieme la cultura della legalità e il rispetto di ogni diritto”.

La dirigente D’Amico“Il luogo in cui l’arch. Mauro ha realizzato l’opera è emblematico. Oggi diventa un exemplum non solo per il pubblico ma soprattutto per chi si avvia, in quelle stanze, a dare una svolta di cambiamento alla propria vita, divenendo a sua volta un esempio per tante donne indifese e che cercano aiuto”. La stessa D’Amico, a conclusione del suo intervento, ha letto la nota con la quale l’assessore regionale Mimmo Turano (assente per altri impegni istituzionali) si congratula per l’iniziativa del V Circolo e delle Istituzioni coinvolte.

Apprezzamenti per il murale e contributi alla riflessione sui temi della violenza di genere sono stati pure espressi da Giuseppe Spada (presidente dell’Ordine degli Avvocati di Marsala) e Adele Pipitone (presidente del comitato Pari Opportunità del Tribunale di Marsala) che ha presentato le operatrici del laboratorio di ceramica al femminile – “Le Barbottine”, attivo presso il Centro Sociale di Sappusi – che ha donato alla Procura della Repubblica un’opera in argilla. Raffigura la testa di una donna con una “cicatrice” (incisa spontaneamente dalla cottura in forno), quasi a testimoniare la forza delle donne che – seppur ferite – non si abbattono e lottano per un futuro migliore.

Il toccante monologo interpretato dall’attrice Cinzia Bochicchio, tratto da un lavoro del regista Massimo Graffeo, ha preceduto il concerto del “Mauro Carpi quartet” che – con il suo jazz – ha chiuso l’apprezzata iniziativa al Palazzo di Giustizia di Marsala.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS