Pozzallo. Militari della GDF sequestrano mille cardellini

Oltre mille cardellini appartenenti ad una specie protetta (fringillidi) sono stati scovati dalla Guardia di Finanza occultati all’interno di un veicolo diretto a Malta. Il mezzo che trasportava i volatili è stato fermato al Porto di Pozzallo. L’uomo alla guida, al momento della richiesta, da parte del personale delle Dogane, di esibire la documentazione relativa la materiale trasportato ha cominciato a manifestare evidenti segni di nervosismo. Da lì sono scattati i controlli. I 1000 esemplari sono stati ritrovati all’interno di un doppio fondo sotto il cassone del mezzo. Erano rinchiusi in piccole gabbie di plastica utilizzate normalmente per gli ortaggi. Pessime le condizioni igieniche. Sessanta esemplari sono stati rinvenuti senza vita, altri 8, in gravi condizioni, sono stati affidati ad una struttura riabilitativa. Il conducente non ha fornito nessuna documentazione che attestasse la provenienza, la specie e il legittimo possesso.  Con la collaborazione della Ripartizione Faunistico-Venatoria di Ragusa i volatili sono stati tutti liberati all’interno di un’area faunistica protetta nel territorio di Scicli. Secondo una stima gli esemplari, destinati al commercio illegale, avrebbero fruttato all’uomo, un calabrese di 44 anni, oltre 150 mila euro. L’avventura del responsabile non ha però avuto seguito. Il sogno di un guadagno facile si è spento a pochi metri dall’imbarcazione che lo avrebbe portato a Malta. Il veicolo utilizzato per il trasporto dei cardellini è stato sequestrato. L’uomo è stato denunciato per maltrattamento, uccisione e detenzione di specie protette e ricettazione.