Fondazione Falcone, i Morvillo fuori dal consiglio, ” Francesca e Giovanni mai uniti nel ricordo”

La decisione di Alfredo Morvillo è di quelle destinate a suscitare scalpore. Ha deciso infatti di uscire dalla Fondazione nata all’indomani della strage di Capaci per ricordare Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, giudice anch’essa. Alfredo Morvillo considera di fatto fallito l’obiettivo primario che si proponeva la Fondazione, ovvero ricordare unitamente i due magistrati morti a seguito dell’ attentato del 22 Maggio del 1992. Quest’anno, tra l’altro, ricorre il venticinquesimo della strage e sono previste manifestazioni per commemorare il ricordo del giudice, della moglie e anche degli agenti di scorta che persero la vita a Capaci. E’ previsto un convegno internazionale di magistrati e anche una maratona con i grandi nomi dello sport. Il 23 poi, nell’aula bunker, alla cerimonia istituzionale dovrebbe essere presente anche il Capo dello Stato Mattarella e i ministri della giustizia Orlando, dell’Interno Minniti, della pubblica istruzione Fedeli.
Il ricordo di Francesca Morvillo invece  sarà affidato ad una serata organizzata il 22 a Palazzo di giustizia dalla Anm di Palermo con la recita di un’ode a lei dedicata opera della scrittrice Concetta Brancato. Morvillo ha deciso di togliere il nome della sorella dalla Fondazione ma ci tiene a sottolineare che la decisione è antecedente alla trasposizione della salma del giudice Falcone dal Sant’ Orsola al cimitero di San Domenico, ovvero il Pantheon dei siciliani illustri. Maria Falcone, sorella del giudice, si dice addolorata da tale scelta e risponde dicendo che  ” Per me Francesca rimarrà sempre Francesca Falcone ed è sempre in cima al nostro ricordo. Francesca per me è sempre una ferita. Togliere Giovanni dalla tomba di famiglia per me è stato un dolore ma ho voluto farlo per donarlo alla memoria collettiva del paese, ho lavorato 25 anni per questo. Ancora a Natale ho fatto consacrare la nostra cappella di famiglia a Giovanni e Francesca. Questa è una decisione che mi addolora profondamente. Credo che così facendo la famiglia Morvillo cancelli definitivamente la memoria di Francesca”.