Marsala, violenza sessuale in centro di di accoglienza: fermato minorenne extracomunitario

405

I Carabinieri della Compagnia di Marsala, hanno arrestato un minorenne ospite presso un centro di accoglienza accusato di violenza sessuale, colpevole di aver tentato approcci sessuali spinti nei confronti delle educatrici che si occupavano di lui.

A finire in manette è stato F.C., diciassettenne ospite di un centro di accoglienza per minori a Marsala, originario del Gambia, il quale, in più occasioni, nei giorni precedenti, ha dimostrato un eccessivo interesse nei confronti di alcune educatrici che prestano servizio nella comunità.

Nello specifico, il provvedimento di fermo scaturisce da un’attività di indagine condotta dai Carabinieri della Stazione di Petrosino, iniziata con la denuncia delle due educatrici, le quali, stufe delle continue esplicite avances dell’ospite della struttura, si sono rivolte alla locale Stazione Carabinieri perché impossibilitate ad esercitare la loro professione. Con il passare dei giorni, infatti, l’atteggiamento dell’ospite è diventato sempre più pressante ed inopportuno, fino a sfociare in una vera e propria violenza sessuale. Di fatti, F.C., dopo aver aperto la cerniera dei pantaloni, si è denudato davanti alle operatrici e, nel vano tentativo di avere un approccio sessuale con queste, in due distinte occasioni, ha cercato di palpeggiare e baciare le due vittime, incredule e terrorizzate per quanto stava accadendo.

Il giovane ospite è stato quindi fermato e, al termine delle formalità di rito, è stato condotto a Palermo presso l’istituto penale per minori “Malaspina” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.