Continui allagamenti a Catania, l’allarme lanciato dal comitato Romolo Murri

51
dav

Decine di strade completamente sommerse dall’acqua piovana a Catania. Questo è il bilancio dell’ondata di maltempo della scorsa settimana. Se il disastro che ha colpito la zona industriale, con tutti i disagi annessi, non lo scopriamo certo oggi, più difficile (se possibile) capire il perché di interi quartieri diventati enormi paludi. Le condizioni in cui si trova il sistema di caditoie e l’intero apparato per il deflusso delle acque piovane a Catania è stato ampiamente dimostrato. L’intera circonvallazione, via Ercole Patti, via Vincenzo Giuffrida, l’Asse Attrezzato e decine e decine di altre strade diventati canali. Il Comitato Romolo Murri, attraverso il suo presidente Vincenzo Parisi, chiede che l’emergenza sia affrontata adesso. Lo stato di quarantena, e tutte le normative per prevenire il contagio del Coronavirus, garantiscono un traffico cittadino enormemente ridotto rispetto al passato. Questo potrebbe consentire a operai e mezzi comunali, adottando tutti gli accorgimenti del caso, di agire in poco tempo con operazioni radicali e profondi che, di solito, implicherebbero la chiusura di intere corsie. Lavori che spesso venivano eseguiti nelle ore notturne con disagi e lamentale dei cittadini delle abitazioni circostanti. Oggi la situazione è completamente diversa e parliamo di interventi di vitale importanza per tutta la città con mezzi di soccorso in continuo movimento o con la gente che si mette alla guida per questioni di estrema necessità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.