130 mila euro a IPAB Giovanni XXIII di Marsala per pagare stipendi arretrati dipendenti

“L’Ipab Giovanni XXIII di Marsala potrà contare su un’assegnazione finanziaria straordinaria di 130 mila euro per pagare gli stipendi arretrati dei propri dipendenti. Nell’ultima finanziaria regionale ho lavorato per una norma, votata dal parlamento, che mettesse in sicurezza le spettanze dei lavoratori. Ora l’Assessorato regionale al Lavoro ha sbloccato anche ulteriori 4 milioni di euro per quasi tutte le Ipab siciliane che si trovano in sofferenza economica”. Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea regionale. “Nei giorni scorsi è stato completato l’iter per le assegnazioni finanziarie alle Ipab – prosegue Lo Curto – e già da ora posso annunciare che a breve verranno riaperti i termini per le Ipab che non hanno presentato istanza nei termini per l’accesso al beneficio legato al pagamento delle spettanze ai lavoratori. Assieme alla collega deputata regionale Angela Foti – prosegue Lo Curto – abbiamo interpellato gli uffici dell’Assessorato regionale al Lavoro per avere contezza di un ulteriore stanziamento di un milione di euro del quale beneficeranno le Ipab rimaste fuori da questo primo riparto. Ho seguito – continua Eleonora Lo Curto – la vicenda relativa alle Ipab con molta attenzione per tutelare il diritto alla retribuzione di tanti operatori. E’ giunto il momento di affrontare anche il nodo della grande riforma delle Ipab, alla luce della recente pronuncia della Corte Costituzionale, per determinare un processo di tutela reale del personale, valorizzazione del patrimonio immobiliare e riorganizzazione dei servizi. Da parte mia sono pronta in parlamento a definire, con il contributo dell’Assessorato al Lavoro guidato da Antonio Scavone, una riforma complessiva che potrebbe già vedere la luce nella sessione autunnale dell’Ars”.