Diventerà Bellissima: “un Commissario per la città di Palermo”

“Alla luce di quanto successo nelle ultime ore in seno alla Giunta di governo di Palermo, ‘Diventerà Bellissima’ ritiene che il danno cagionato a Palermo e ai palermitani, sia già di una tale entità, da risultare impensabile ogni ulteriore forma di continuità di questa sindacatura, tramite accordi, nuove spartizioni di incarichi e poltrone, negoziati tra le forze politiche. A maggior ragione se dovessero entrare in campo nuove componenti, in “soccorso” dall’opposizione (secondo boatos attendibili) per “tirare a campare” con una sindacatura che ha ridotto la città ai minimi termini di vivibilità e immagine, nonché ridotto all’osso il tessuto imprenditoriale che, in periodo Covid, andava agevolato e non ulteriormente affossato con provvedimenti e proposte surreali. La crescita della città è bloccata da anni, da assessori e dirigenti la cui incompetenza e approssimazione hanno prodotto (o mai risolto) problemi immensi che sono sotto gli occhi di tutti: dai ponti non transitabili, alla pessima gestione dei Servizi Essenziali (RAP, AMAT, SUAP, Cimiteri, Edilizia ed Infrastrutture, Verde Pubblico). I diversi processi o indagini a carico di dirigenti comunali che hanno visto la luce in questi anni, il rifiuto di prendersi le proprie responsabilità per scelte profondamente sbagliate sulla Mobilità e sui Rifiuti, i continui rimpalli e liti tra assessori e forze politiche di in una maggioranza eterogenea e traballante rimasta in piedi per  il potere e le poltrone, invece che per il bene della nostra città, fanno arrivare ad un’unica conclusione e proposta, chi ha a cuore il bene di Palermo e dei suoi abitanti: il Commissariamento dell’Amministrazione e del Consiglio Comunale, come unico modo per agire con urgenza e determinazionesu tutte le urgenze che questa o qualunque altra “maggioranza” non sarebbe in grado di gestire, né risolvere. Urgenze che da troppo tempo massacrano le vite dei palermitani onesti che hanno solo desiderio di normalità. Una normalità negata per interessi di parte e clientelari, che nulla hanno a che vedere con una visione di progresso della città, tanto decantata nelle campagne elettorali, quanto mai inattuata e disattesa da ogni scelta  – nei nomi e negli atti – da questa Amministrazione. Auspichiamo con urgenza, quindi, la nomina di un Commissario Straordinario che prenda in carico questa surreale situazione e che traghetti la città verso nuove e libere elezioni, che dovranno rifondare profondamente la classe politica ed amministrativa di Palermo. I cittadini palermitani non meritano ulteriori tresche e “accordi” indecenti ai loro danni. Il “modello Draghi” è inapplicabile, peraltro, se non cambia il “Comandante in capo”. Palermo ha bisogno di una svolta, vera e non di ennesime manovre di palazzo”.
Lo auspicano Claudio Volante, consigliere di diventerà Bellissima Palermo, Tania Pontrelli dirigente regionale, Piera Cordaro dirigente provinciale e Astrid Anselmi attivista cittadina di DB Palermo